Racconti di quotidianità e ricette per arricchirla

mercoledì 9 gennaio 2013

Dieta Dukan - LE CAMILLE

Buon Anno!!!
8 Gennaio. Martedì. E dire che già verso la fine di Dicembre avevo stilato una lista accurata di buoni propositi che avrei trasformato in azioni già dal primo giorno del 2013. Voi non lo avete fatto? Io ovviamente ogni anno ripeto la stessa cosa e puntalmente poi non la metto mai in pratica. Ogni anno regolarmente il ragionamento che scatta nella mia buffa testolina mentre sfoglio il calendario in attesa che mi riveli la mossa segreta per dare a tutto un inizio è che ormail il 1 gennaio è passato e che il 2, giorno in cui in genere torno alla mia benamata scrivania d'ufficio, non è mai un lunedi. Ci avete mai fatto caso? il 2 gennaio sembra essere una data speciale, perchè non cade mai di lunedi. E come tutti sanno le cose si iniziano o nei giorni 1 di ogni mese, o di lunedi. E così mi ritrovo con davanti questa lista, che ovviamente nei giorni è andata sempre più scarnendosi, di cose che vorrei, o meglio dovrei fare, senza poterle collocare temporalmente. perchè l'1 ormai è passato e il 2 è ovviamente mercoledi. Così che faccio, decido di posticipare il principio di ogni azione al primo lunedi dell'anno, che quest'anno è stato il 7 gennaio, salvo poi trascorrerlo seduta sulla mia sedia, dicendomi che in fondo quelle cose sulla lista non sono poi così indispensabili. Insomma, anche questo anno è iniziato all'insegna del nichilismo e dei conseguenti sensi di colpa. Poi però è successo qualcosa. Lunedi mi sono pesata e per quanto mi vedessi già gonfia e ingolfata per aver mangiato senza sosta per quasi venti gironi di fila (chiunque abbia genitrori separati e che nel frattempo si sia fatto anche una famiglia propria sa bene a quanti pranzi, aperitivi, cene, colazioni della befana e brindisi vari si deve partecipare e organizzare per non scontentare nessuno) non mi aspettavo letteralmente un tale disfacimento fisico. 53.8 kg ha tuonato la bilanciata. "Forse che mi sia pesata con Lino in braccio??"
Ah dimenticavo, Lino è il nuovo arrivato di casa. E' un gatto bianco dolcissimo con gli occhi teneri e curiosi e il nasino e le orrecchiucce tutte rosa. Uno spettacolo d'amore sconfinato, che appunto pesa proprio 3 chili e qualche grammo (ha solo 5 mesi e così vi fate un'idea di quanto abbia anche lui goduto dei pacchi natalizi!!). No, Lino era lì accanto che mi fissava mentre continuavo a scendere da quella cavolo di bilancia come fosse uno step da palestra. Sopra 53.8, giù 0.00. Sopra 53,8, giù 0.00. E così via per almeno 5 serie di esercizi, che comunque non sono valsi nemmeno un etto. Insomma, una disfatta...del fisico. Ma che importa, oggi è lunedì e basterà inserire anche "dieta dukan" nella lista dei buoni propositi e presto tornerò ai miei 50 kg. E così sono corsa a lavoro e ho iniziato con molta calma la mia giornata. Con talmente tanta calma che a mezzogiorno ancora non avevo spuntato nulla dalla mia lista (studiare un capitolo al giorno del corso di inglese, segnarmi in palestra, scrivere almeno due post a settimana, cercare di stare attenta quando il capo mi parla...), ma in compenso avevo una fame! Ancora un'ora e poi mi mangerò una bistecca intera e le patate al forno! Oh no, ma mi ero ripromessa di iniziare la Dukan. ok, compromesso. Niente Dukan ma ci starò attenta. Insalata con un pò di pane a pranzo e una fettina di carne questa sera. Vabbè, per non allungarvela troppo ieri sera alla fine mi sono fatta almeno un etto di pasta con il sugo semplice e dimezzato il pacco di canestrelli della Montebovi mentre perdevo miseramente a scopa per chi tra me e il Calzinaio Matto avrebbe messo a posto la cucina. E così questa mattina, pur sperando di aver perso qualche etto, la bilancia ha confermato di nuovo il peso. 53.8 kg, manco mi fossi fatta l'abbonamento.  Però, questa disfatta ha avuto anche un lato positivo: mi ha costretta a rimettermi in riga e a spuntare così almeno una voce della mia lista annuale dei buoni propositi: "scrivere almeno due post alla settimana". E il primo è proprio questo qua, una nuova e super ricetta Dukaniana per tutti quelli che durante queste feste, tra un morso al panettone e un taglio di fino al torrone si sono fatti raccontare in cosa consiste questa nuova miracolosa dieta che viene d'oltralpe e che da ieri la stanno sperimentando!

LE CAMILLE

Tanto per capirci, le Camille sono quelle mini-tortine della Mulino Bianco fatte con le carote.

Ingredienti:
- 8 cucchiai di CRUSCA d'AVENA
- 2 cucchiai di PHILADELPHIA BALANCE
- 2 UOVA
- 4 pugni di CAROTE alla julienne
- 3 gocce di DOLCIFICANTE liquido

Preparazione:

Come per tutte le altre torte Dukan che trovate in questo blog, innanzitutto dividete gli albumi dai tuorli.

Lavorate i tuorli con il dolcificante e unitevi anche i cucchiai di philadelphia balance. In questo caso ho utilizzato i fiocchi di latte, ma vi cosniglio vivamente di usare la philadelphia balance.

Tritate al mixer le carote, ma potete anche lasciarle così intere come appaiono nella foto. In tal maniera ne sentirete maggiormente il gusto.





Una volta trita unite alle carote anche la crusca d'avena e mescolate il tutto.





A questo punto unite ai tuorli mescolati al formaggio anche le carote e la crusca .











Solo ora potete montare a neve gli albumi precedentemente messi da parte.

Appena montati mescolateli al composto.

Mescolate bene finché otterrete un composto omogeneo.

A questo punto, come al solito, bagnate, strizzate e stendete un foglio di carta forno su una teglia.


Versate tutto il composto e ponetelo al centro del forno preriscaldato a 180°.


Lasciate in forno per 20 minuti con il calore solo da sotto e per altri 10 minuti con il calore anche da sopra.




Ok, ora vi starete chiedendo se mi sia dimenticata di postare la foto finale in cui mostro il capolavoro. No, non ho dimenticato di postarla, ma talmente era la curiosità di assaggiare come era venuta questa nuova creazione, che ho proprio dimenticato di fare la foto!!!

Ps- le date sulla foto sono sbagliate, ma in realtà l'ho fatta solo qualche giorno fa. Sorry e buono gnam a tutti!!!

16 commenti:

Posta un commento

Faccio tutto da sola